Pillole di diritto

Gaslighinting! Dipendenza affettiva

Gennaio 25, 2023
Spread the love

Secondo il dizionario americano Merriam Webster la parola più ricercata su internet nell’anno appena concluso, il 2022, è stata Gaslighting.
Evidentemente il fenomeno è dilagante. Ma vediamo insieme di cosa si tratta.

Il Gaslighting è una forma estremamente subdola e strisciante di violenza psicologica.

Si concretizza in un rapporto tossico fra due persone nel quale una induce l’altra in una dipendenza affettiva ed emotiva utilizzando soprattutto lo strumento dell’auto-disistima. È fondamentalmente una violenza pulita e sottile, difficile da individuare, perseguire e punire.

E’ una tecnica sostanzialmente lenta.

La vittima infatti non realizza di vivere un vero e proprio lavaggio del cervello. In questo tipo di rapporti la vittima è il principale complice del suo carnefice.

 

Non è una violenza propriamente di genere tuttavia le statistiche ufficiali ci dicono che sono soprattutto le donne a subirla. Solitamente il gaslighting si svolge nell’ambito di relazioni amorose, coniugali e affettive, ma può avere luogo in ogni tipo di contesto come ad esempio quello filiale, lavorativo o amicale.

Solitamente avviene tra un soggetto affetto da personalità narcisistica e un altro che invece si trova in un momento di fragilità psicologica indotta o strutturale.
Il soggetto narcisistico induce la vittima a dubitare di sé e delle proprie facoltà mentali, cognitive, intellettive, intellettuali o anche soltanto del proprio valore fino a ridurla a un soggetto completamente asservito e dipendente.

Ma qual è il profilo di una personalità narcisistica?
Solitamente si cade nell’errore, basandosi sul mito greco, che il narcisista sia semplicemente una persona innamorata perdutamente di sé stessa, vanesia o banalmente presuntuosa.
Invece no.

Chi soffre di disturbo narcisistico tende sempre a sovrastimare in forma anomala le proprie abilità. Dà eccessiva importanza ai suoi successi e risultati personali, e intanto minimizza e svaluta quelli altrui. Risulta quindi spesso vanaglorioso e pretenzioso.

Costruisce relazioni che gli consentono di confermare un’immagine grandiosa di sé. Ha costante bisogno di ammirazione oltre che di controllo. Manifesta inoltre mancanza di empatia, e da ciò deriva la convinzione che le proprie esigenze siano sempre prioritarie rispetto ad ogni altra cosa.

Spesso i narcisisti manifestano un bisogno quasi ossessivo ed esibizionistico di attenzione e di ammirazione da parte degli altri. Svalutano incessantemente gli altri in generale e specialmente una o più vittime in particolare.

Un narcisista manifesta quasi sempre disprezzo verso gli altri e mostra spesso una malcelata invidia patologica e una marcata misantropia e sociopatia.
La fase più grave è quella del narcisismo maligno. Si tratta di una forma di psicopatia. Essa sopravviene quando il soggetto presenta, oltre alle classiche caratteristiche del narcisismo medio, anche una mancanza totale di senso di colpa, di rimorso e di rimpianto, riuscendo ad arrivare a una crudeltà mentale vera e propria.

Ma quali sono le tecniche e le dinamiche del Gaslighting?

Il narcisista patologico mette in atto il Gaslighting in modo tale da avere totale potere sulla vittima. Si tratta di una forma di manipolazione psicologica subdola e violenta. Alla vittima vengono date false informazioni, di ogni tipo e natura, in modo tale da farla dubitare di sé stessa, della sua percezione, della sua memoria e del suo equilibrio mentale o neurologico.

Solitamente il gaslighter tende ad isolare la sua vittima da qualunque altro contesto e relazione, come amici, parenti e colleghi di lavoro, così da instaurare una relazione esclusiva e morbosa. In questa dinamica malata il narcisista alterna momenti in cui offende, denigra, sminuisce e scredita la sua vittima a momenti in cui le manifesta affetto, parole gentili e attenzioni così da farla scivolare in un’altalena emozionale psicologicamente devastante. Il narcisista è un manipolatore patologico, ha una mente calcolatrice e nei rapporti indossa sempre una maschera vivendo in un perenne stato di recitazione. Lavora incessantemente per demolire l’autostima della vittima utilizzando le offese e suscitando un continuo senso di colpa nella controparte.

Un gaslighter nega costantemente l’evidenza manifestando una gelosia subdola e ossessiva non solo di tipo amorosa bensì di tipo relazionale.

Alla vittima infatti viene a poco a poco vietata con la persuasione la possibilità di qualunque altro rapporto sociale. In una prima fase il gaslighter costruisce un rapporto idilliaco per poi attuare in un secondo momento un clima conflittuale contraddistinto da silenzi ostili e dialoghi destabilizzanti portando vittima ad un profondo disorientamento.

In questa prima fare la vittima non è ancora del tutto sottomessa.

Proverà a cambiare il gaslighter ma fallirà. A questo punto inizia un stato confusionale della vittima che finirà per piegarsi alla volontà dell’altro e dei suoi abusi psicologici

A questo punto quasi sempre la vittima cade in una fase di angoscia e depressione. A questo punto la violenza, sia essa fisica o anche soltanto psicologica, diventa cronica.

In questa fase finale la vittima vede il gaslighter come un salvatore.

Il Gaslighting si basa sulla parola. Frasi del tipo: “Secondo me hai bisogno di aiuto”, “Noi due ci amiamo alla follia”, “Sei tu che ricordi male”, “Stai inventando delle cose”,“Nessuno può capire quanto è profondo il nostro amore”, “Hai le allucinazioni”, “Ma me ne vuoi bene?”, “Non vali niente, senza di me dove vuoi andare?”, “Se mi lasci non hai cuore”, “Se non fai come ti dico non ti aiuto più”, “Nessuno ti ama come me”, “Stai bene? Dici cose strane”, “Hai dei problemi seri, solo io ti posso aiutare”, sono fra quelle più usate in questi contesti.
La tecnica psicologica ricalca quella del racket. Il gaslighter conduce infatti la sua vittima in un pozzo buio di insicurezza, sfiducia in sé stessa e paura per poi presentarsi come il suo salvatore, colui che può dare tutela, protezione, controllo, assistenza, amore e affetto.

Ma da dove deriva la parola Gaslighting?
Essa ha origine dal dramma teatrale “Gaslight” del 1938 di Hamilton. Ne sono stati tratti due film. Il più famoso è “Gaslight”, del 1944, che in Italia è stato proiettato con il titolo “Angoscia”. Racconta di ripetuti abusi psicologici di un marito nei confronti della moglie Paula.
L’uomo cerca di portare la donna alla pazzia, con diversi stratagemmi come ad esempio, l’abbassamento delle luci a gas, “gaslighting” per l’appunto, della loro casa facendole credere che fossero allucinazioni frutto della sua immaginazione.

Perché il Gaslighting è così difficile da individuare e provare davanti ad un tribunale?
Perché, come già detto, la vittima è quasi sempre complice del suo carnefice. La vittima alterna momenti in cui ha contezza e consapevolezza della sua situazione a momenti in cui sente che il narcisista che sta compiendo l’abuso psicologico è invece l’unico a cui potersi affidare per poterla proteggere. Una condizione psicologica dai tratti surreali.
È qualcosa di analogo a qualsiasi altra forma di dipendenza. Come per l’alcol, le droghe, il gioco d’azzardo e così via anche in questo caso la vittima prova un profondo trasporto e senso di affidamento a ciò di cui sente il bisogno.

Solo che a differenza delle dipendenze classiche, il gaslighter è una persona in carne ed ossa, con la facoltà di agire concretamente, mistificare, ingannare e continuare ad esercitare quel potere di cui evidentemente, anche lui in forma patologica, sente disperatamente il bisogno.

Cosa fare?
La violenza psicologica e il gaslighting in sé non corrispondono a dei reati specifici. Essi però sono collegati ad alcune forme di reato come ad esempio maltrattamenti familiari, plagio, stalking, raggiro, minaccia e violenza privata, danno biologico.
Potresti cominciare a sentire la necessità di registrare le conversazioni, di scattare fotografie come prova di non essersi inventato fatti o accadimenti. Questi sono dei chiari segnali di allarme.

Se hai il dubbio di essere caduto in una dinamica di Gaslighting non esitare e rivolgiti immediatamente ad un avvocato e con lui si valuterà il coinvolgimento di una consulenza psicologica o comunque l’intervento dei servizi sociali del tuo Comune. Ad ogni modo per difendersi e ricostruire la propria identità potrebbe servire del tempo.
Con il tuo avvocato sarà poi opportuno valutare come procedere così che la giustizia possa fare il suo corso.

Risorse per approfondire
Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Gaslighting

Articolo su Repubblica (a pagamento)
https://www.repubblica.it/cronaca/2022/12/31/news/gashlighting_parola_dellanno_ecco_come_funziona_la_violenza_psicologica_piu_difficile_da_scoprire-381388226/

Corto “Io vivo per te” – di Rita Raucci (autrice e interprete)

 

a cura di Mariagrazia Santosuosso


Spread the love

    Leave a Reply