fbpx

Instagram

La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!

Salute e Benessere

Consigli e rimedi naturali contro l’insonnia

Settembre 16, 2018

Negli ultimi anni non ho mai sofferto di insonnia, ho sempre avuto la fortuna di mettermi a letto e di addormentarmi nel giro di pochi minuti. Ricordo però che nella fase pre adolescenziale ho attraversato un periodo in cui faticavo a dormire dovuto al fatto che stavo per andare alle medie ed il cambiamento mi spaventava molto.

Ricordo tutto perfettamente; occhi sbarrati e tachicardia.

Non provavo questa sensazione da circa 20 anni e durante la vacanza si è ripresentata!

Probabilmente  la vita lenta e rilassata delle ferie non mi ha agevolato; il mio corpo è abituato ad una vita molto frenetica e stancante che mi fa crollare appena mi metto  a letto. 

Fatto sta che per gli ultimi dieci giorni di vacanza ho faticato a chiudere occhio e quando finalmente riuscivo ad addormentarmi mi svegliavo continuamente. Credevo che a casa, riprendendo la solita routine e soprattutto dormendo nel mio letto con il mio adorato cuscino, il sonno tornasse regolare ed invece no!

Mi sono portata dietro gli strascichi della vacanza!

Ammetto che sono una testa pensante e che anche quando sono a letto penso, fantastico, fantastico e penso. Vivo la sensazione che dormire mi faccia perdere del tempo e che potrei sfruttare quelle ore facendo altro… perché c’è davvero tanto da fare, basti pensare al disordine che spesso c’è in casa, alla sedia piena di panni da stirare, al post che vorrei scrivere, a quello che vorrei dire ad un’amica e tanto altro.

Dunque più penso e più non dormo e più non dormo e più mi agito!

Per fortuna questo periodo insonne è stata una breve parentesi, svanito con qualche tazza di camomilla, delle pagine di un buon libro e il ritorno alla vita frenetica. In quei giorni ho evitato anche di bere caffè, (uno solo al mattino) e di trascorrere tanto tempo con il telefono in mano (soprattutto prima di andare a nanna). Con me ha funzionato, ma so che non è sempre così semplice poichè ci sono persone che soffrono da tanti anni!

Mi avevate chiesto di raccogliere in un post tutti i rimedi contro l’insonnia ed allora ho chiesto aiuto alla Nutrizionista E. Racca e la Dottoressa L. Galdiero, che sicuramente vi possono essere d’aiuto dandovi dei validi consigli.

Cos’è l’insonnia?

Ce lo spiega la Dott. Galdiero)

L’insonnia è un disturbo piuttosto frequente, specie nei cambi di stagione, che si verifica nel 30% della popolazione.

La conseguenza più comune è la sensazione di affaticamento sia fisico che psichico. Da non trascurare quest’ultimo aspetto poichè il nostro cervello durante la notte si comporta esattamente come un computer. Durante il sonno infatti , vengono processati gli eventi del giorno e smistati tra hard disk, ovvero la nostra memoria e cestino.

Riconoscendo l’importanza di un sonno regolare e ristoratore  Lloyd Bud Winer (preparatore atletico di 27 campioni olimpici) ha illustrato nel suo libro Relax and win championship un metodo già utilizzato dall’esercito americano per addormentarsi in 120 secondi in qualsiasi situazione.

Il metodo si articola in 4 passaggi:

1 Rilassare  muscoli del viso compresi lingua e mascelle.

2 Rilassare spalle e braccia.

3 Espirare,rilassare il petto e infine rilassare le gambe.

4 Dopo 10 secondi di rilassamento profondo del corpo si passa a liberare la mente da ogni pensiero.L’ autore suggerisce di immedesimarsi in delle situazioni di grande calma e quiete.

5 Ultimo passo è quello di ripetersi più e più volte”non pensare, non pensare,non pensare”.

Il risultato non è garantito poichè ogni soggetto è diverso, però tentare non costa nulla!

I rimedi naturali più comuni per l’insonnia sono largamente diffusi (valeriana, passiflora, biancospino, melissa) e hanno un’azione blanda sedativa e calmante. Di sintesi, ma molto efficace per questo disturbo è la Melatonina, specie se si parla di insonnia da fuso orario (jet lag).

Un’importante accortezza da adottare è quella di non utilizzare dispositivi elettronici prima di andare a letto poichè la luce blu inibisce la naturale sintesi dell’ormone melatonina.

Foto presa dal web

Ecco gli alimenti che favoriscono il sonno (a cura della Dott. Racca)

Già in altre occasioni abbiamo avuto modo di scoprire insieme che l’alimentazione è una valida alleata contro numerose problematiche che insidiano il nostro organismo, da quelle più banali a quelle più serie. Chi soffre d’insonnia o chi vive con persone che soffrono d’insonnia, sa bene di cosa stiamo parlando; non dormire o dormire male durante la notte influenza molto la qualità della vita durante il giorno.

Quando parliamo di insonnia, però, non dobbiamo considerare soltanto la facilità o la difficoltà ad addormentarsi, ma anche la durata complessiva del sonno e la sua qualità; se ci addormentiamo con facilità, ma ci svegliamo spesso durante la notte, la qualità è bassa ed il sonno non assolve la sua principale funzione, quella di ristorare e rigenerare l’organismo. Secondo un recente studio, alcuni alimenti consumati circa mezz’ora prima di andare a coricarsi e per almeno 3-4 settimane di fila possono ridurre il tempo necessario all’addormentamento e i successivi episodi di risveglio notturno ed aumentare la durata complessiva e l’efficienza del sonno.

Questi alimenti sono il latte di mucca, il succo di ciliegia ed i kiwi. Sono sicuramente necessari ulteriori studi a riguardo, ma le prove finora ottenute sono molto convincenti. Chiaramente non bisogna trascurare la composizione nutrizionale del pasto serale; le evidenze emerse dagli studi pubblicati suggeriscono che il consumo di pesce piuttosto che di carne e la giusta quota di carboidrati (né in eccesso né in difetto) rappresentino un pattern alimentare favorevole per il riposo notturno. Oltre a questi suggerimenti, possono ritornare utili anche una serie di alimenti che contengono naturalmente la melatonina, un ormone essenziale per il regolamento dei ritmi biologici di veglia e sonno. Questi alimenti sono il pesce, le uova, il latte di mucca, il riso, l’orzo, l’avena, le ciliegie, i mirtilli, le uve “merlot”, la portulaca, i funghi, le lenticchie, i fagioli, le mandorle, i pistacchi ed alcune spezie come il pepe, la senape bianca, quella nera ed il cardamomo.

 

    Instagram

    La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

    Seguimi!